sabato 23 novembre 2013

PAVIDEA STEELTRADE..RABBIA E DELUSIONE

Pavidea Steeltrade, rabbia e delusione. Le rossoblù di Omar Amoros hanno incassato un'altra sconfitta nel testa a testa contro l'Isuzu Enermia 434 Cerea, ma avrebbero meritato altra sorte. Opposto ad un avversario con le sue stesse caratteristiche, il team fiorenzuolano ha lottato con intensità, ha tenuto in mano il gioco per lunghi tratti, mettendo in evidenza una Lisa Ambrosini da altro pianeta, un muro spesso tonico e la solita determinazione e reattività della rientrante Alessia Testa. La Pavidea Steeltrade quando ha saputo alzare il ritmo è andata via con sicurezza alle avversarie, ma non ha avuto la continuità e freddezza necessarie per dare la spallata decisiva che potesse cambiare il futuro. Colpa della inesperienza che nei momenti più importanti del confronto ha fatto la sua parte, ma va sottolineato che ad Ambrosini e compagne è mancata anche un po' di quella componente fortuna spesso indispensabile. L'Isuzu Enermia ha incamerato tre punti di platino e al team fiorenzuolano restano soltanto i cocci di una serata storta e tante lacrime. Una occasione importante per muovere la classifica è stata gettata al vento, ma la Pavidea Steeltrade non ha nessuna voglia di cedere le armi adesso, perché il cammino stagionale è ancora lunghissimo e lo spirito di gruppo è sempre ad alti livelli e questo, a conti fatti, vale oro.
Si va avanti allora puntando a migliorarsi, ad acquisire esperienza, ad imparare dagli errori e tenendo sempre in prima fila grinta, carattere e voglia di cambiare il futuro. La sconfitta del "Palasanvito" deve insegnare molto e la certezza è quella che le ragazze riescano a trovare la strada giusta che porti fuori dal tunnel. Intanto sabato alle 20,30 si riaprono le porte del "Palamagni" per ospitare il Brunopremi Bassano del Grappa, formazione di medio-bassa classifica presieduta da Antonio Passuello e guidata dai tecnici bulgari Atanas Malinov e Kamelia Arsenov, scelti perché capaci di lavorare su un organico giovane che possa dare soddisfazioni in tempi brevi. Nell'albo d'oro della società vicentina, infatti, figurano lo scudetto conquistato nel 2012 con la formazione Under 16, la Coppa del Veneto del 2013 e due campionati provinciali Under 18 vinti nel biennio 2012-2013, oltre alla promozione in B/1 arrivata nel 2012 sulla scia di un campionato a toni acuti. L'organico a disposizione dello staff tecnico è composto da giocatrici di età compresa tra i diciotto anni del centrale Sonia Compostella ed i quindici dell'altro centrale Alexandra Botezat, della palleggiatrice Ulrike Bridi e dell'opposto Alice Pamio, quattro perni pieni di dinamismo attorno ai quali ruota tutto il meccanismo rossonero. Un complesso molto equilibrato che non possiede veri e propri leader, ma sa farsi valere sul campo sfruttando le notevoli qualità tecniche. Un altro ostacolo abbordabile sul cammino della Pavidea Steeltrade che questa volta avrà dalla sua parte il fattore campo spesso decisivo quando regna l'equilibrio. Arbitri del confronto saranno Alessio Barbagallo di Alessandria e Lorenzo Paolicelli di Torino.
Il programma della sesta giornata di andata: Le Ali Padova Project-Bakery Gossolengo, Cittàfiera Martignacco-Domovip Acqua Pradis Porcia, Liu Jo Modena-Emilbronzo 2000 Montale Rangone, Pavidea Steeltrade-Brunopremi Bassano del Grappa (sabato ore 20,30), Studio 55 Ata Trento-Atomat Volley Udine, Coveme Vip San Lazzaro di Savena-Isuzu Enermia 434 Cerea, Volley Millenium Brescia-Delta Informatica Trento.
FRANCO BONATTI