giovedì 30 gennaio 2014

AMICHEVOLE DI LUSSO

Amichevole di lusso per la Pavidea Steeltrade Fiorenzuola che, approfittando della settimana di sosta in campionato imposta dal calendario, ha sostenuto un proficuo galoppo sul parquet reggiano di Rivalta ospite della Crovegli Cadelbosco, compagine che si trova all'ultimo posto in classifica nel campionato di A/2, ma in possesso di un organico compatto e pieno di ottime individualità. Il risultato, in questi casi, conta poco, perché importante è il rendimento offerto dalla squadra, chiamata a dare conferme dopo la ottima prestazione fornita sabato scorso contro lo Studio 55 Ata Trento. E le conferme sono arrivate, perché le rossoblù di Omar Amoros hanno tenuto il campo con ordine ed efficacia riuscendo a mettere in difficoltà le reggiane soprattutto nel terzo set.
Omar Amoros manda in campo Vignola, Ferretti, Ambrosini, Errichiello, Fanelli, Barbarini e il libero Michela Musiari, una formazione che parte con buon ritmo cercando di sfruttare le qualità sotto rete di Caterina Errichiello e Chiara Ferretti. Le padrone d casa hanno un po' di esperienza in più nelle gambe e una categoria di vantaggio e piazzano un break con attacchi potenti che mandano in crisi la ricezione delle fiorenzuolane (13-7). La gara è interessante, vivace e giocata ad un buon ritmo con le padrone di casa che ingranano la quinta portandosi sul 15-7 e suggerendo al tecnico Omar Amoros il cambio in cabina di regia: Veronica Vignola va in panca ed entra sul parquet Giada Ciarlini che prova ad alzare il ritmo. La Crovegli non si lascia innervosire dalla sostituzione e continua a giocare con intensità doppiando le rossoblù che scivolano a dieci punti (19-9). Time out spezza ritmo per la panchina rossoblù, la Pavidea Steeltrade prova a recuperare, ma il gap accumulato è troppo elevato e il set diventa utile per provare nuovi schemi tattici. Ed allora via a cambi: Marta Ghisolfi prende il posto di Noemi Barbarini e in regia torna Veronica Vignola a sostituire Giada Ciarlini. La Crovegli Cadelbosco gioca sul velluto forte del vantaggio accumulato e riesce a chiudere il set senza troppi problemi (25-9).
Si torna in campo con la Pavidea Steeltrade che ha voglia di riscatto. Amoros conferma lo schieramento della prima frazione e la gara diventa più equilibrata, perché le reggiane non trovano il guizzo necessario per staccarsi. Le rossoblù fiorenzuolane mordono sotto rete scaricando potenza e riescono a restare in scia senza troppi problemi (5-3). Cambi continui in casa fiorenzuolana per non dare troppi punti di riferimento alle avversarie: Alessandra Pisani prende la scena al posto di capitan Ambrosini, mentre la Crovegli ha un sussulto e piazza tre attacchi potentissimi che mandano fuori strada le fiorenzuolane (13-6). Time out inevitabile per la Pavidea Steeltrade, ma la musica non cambia ed allora le reggiane insistono e mandano le rossoblu a "-9" (15-6). Altro avvicendamento in casa valdardese: Giada Ciarlini va al palleggio e Marta Ghisolfi sostituisce Noemi Barbarini. Il ritmo lievita, la Pavidea Steeltrade gioca una ottima pallavolo, ma si trova contro una avversaria che in ricezione fa miracoli. Le reggiane fuggono con perentorietà, le rossoblù sono dure a cedere, ma quando prima Ghisolfi e poi Ciarlini falliscono la battuta, vanno al tappeto (25-13).
Due a zero e si riparte. L'incontro sembra segnato per la Pavidea Steeltrade, ma mai dire mai. Ed allora ecco il colpo di coda delle fiorenzuolane: Ciarlini va in regia e dirige l'orchestra con efficacia e le reggiane cominciano ad andare in affanno. Amoros dà spazio al libero di scorta Beatrice Arzani che ha modo di acquisire esperienza, la gara diventa avvincente per merito della Pavidea Steeltrade che si fa apprezzare per alcuni scambi strappa applausi, Amoros si affida ad alcuni cambi che privilegiano Alessandra Pisani, Marta Ghisolfi e Michela Musiari, entrate al posto di Errichiello, Barbarini ed Arzani, le rossoblù si staccano e piazzano un break decisivo proprio sul filo di lana (22-25).
La Pavidea Steeltrade raccoglie le energie fisiche e mentali rimaste e le getta i campo nella quarta partita per tentare il clamoroso recupero. Ciarlini va al palleggio, Pisani in opposto e Ghisolfi al centro al posto di Noemi Barbarini. Punteggio equilibrato, le fiorenzuolane provano a lasciarsi dietro la Crovegli senza riuscirci ed allora Amoros sul punteggio di 6-4 rigioca la carta Vignola richiamando in panca Giada Ciarlini, poi quando le padrone di casa hanno accumulato un vantaggio di cinque punti, cambia i centrali mandando sul parquet Noemi Barbarini a sostituire Marta Ghisolfi. La Pavidea Steeltrade continua a provarci dimostrando coraggio e orgoglio, ma le reggiane hanno preso il ritmo giusto e chiudono di slancio (25-16)
FRANCO BONATTI