domenica 17 agosto 2014

LORENA AMASANTI

Lorena Amasanti torna a casa. Messa nel cassetto la esperienza con la Bakery che l'ha portata a conquistare la promozione in A/2, il ventitreenne "opposto" di Fiorenzuola riabbraccia la Pavidea Steeltrade. Con grande soddisfazione, perché alla società rossoblù deve molto. Dieci anni consecutivi non sono uno scherzo e non si dimenticano. Nella Pavidea Steeltrade Lorena è cresciuta, è maturata, si è costruita il futuro e ritrovare la maglia rossoblù è come toccare il cielo con un dito.
"Sono contenta di ritrovare Fiorenzuola-ha precisato-l'esperienza alla Bakery mi è servita tantissimo. Giocare con ragazze di grosso calibro mi ha fatto bene sotto tutti gli aspetti. La Pavidea Steeltrade è la mia casa, la mia seconda famiglia e spero di dare ancora una volta il mio contributo".
-Alla Bakery hai fatto molta panchina-.
"Ma lo sapevo. I dirigenti mi avevano detto che non sarei partita titolare. D'altra parte credo che anche stare in panchina possa servire. E poi davanti avevo giocatrici di alto spessore dalle quali c'era solo da imparare".
-Cosa ti porti a Fiorenzuola della esperienza a Piacenza?-
"Sicuramente la professionalità ricevuta. E poi un modo nuovo di stare in campo. Penso di essere migliorata sotto questo aspetto e voglio mettermi alla prova".
-Hai già avuto modo di parlare con Davide Zanichelli'-
"Ho parlato sia con lui che con Giovanni Errichiello. Mi hanno fatto una ottima impressione. Sono molto motivati e competenti. Credo siano le persone giuste per rilanciare la società dopo una stagione molto difficile".
-Ritrovi Valentina Guccione-.
"Sono molto felice. E' una ragazza piena di carattere e dotata di grandi qualità che anche lo scorso anno ha saputo mettere sul parquet. La sua esperienza servirà tantissimo".
-Da una parte Caterina Errichiello, dall'altra tu. Una bella coppia sulle "bande"-
"E' una idea che mi piace. Sono pronta per mettermi in gioco. Caterina ha dimostrato lo scorso anno di essere in costante miglioramento. Credo che giocare al suo fianco potrà essere stimolante. Speriamo con i risultati di riportare il pubblico al "Palamagni". E' una sfida che voglio vincere".
-Sarà una B/2 piena di incognite, perché le squadre romagnole sono avversarie mai provate negli anni passati. Dove arriverà la Pavidea Steeltrade?-
"La società non ha mai posto obiettivi. Saranno i risultati a parlare. E il fatto di non avere nessun tipo di pressione potrà darci un grosso aiuto. La squadra sta nascendo bene: Alessia Testa saprà dare una grossa spinta emotiva e morale, in mezzo c'è qualità e poi Veronica Vignola l'ho vista fare passi da gigante. Il gruppo è giovane e pieno di motivazioni. Possiamo fare bene".
-Estate col il beach volley?-
"Sì. Ho giocato molto, ma senza partecipare a tornei, né disputare campionati come hanno fatto Chiara Ferretti ed Ilaria Fanellli. E' stato un periodo di allenamento che ritengo sia stato proficuo ed al raduno penso di arrivarci a posto".
FRANCO BONATTI