domenica 12 ottobre 2014

L'ULTIMA AMICHEVOLE - ISEO SERRAMENTI PISOGNE-PAVIDEA STEELTRADE FIORENZUOLA 1-3

ISEO SERRAMENTI PISOGNE-PAVIDEA STEELTRADE FIORENZUOLA 1-3 (24-26, 22-25, 25-23, 22-25).
ISEO SERRAMENTI PISOGNE: Bondioni, De Vecchi, Ghezzi, Mazzucchelli, Bonafede, Treccani, Pandocchi, Mehic, Stornati (L), Pasqua (L2), Chiappini, Camanini, Zavaglio. All: Iveta Mikusova.
PAVIDEA STEELTRADE FIORENZUOLA: Donida 12, Boniotti 6, Errichiello 8, Guccione 7, Ciarlini, Fanelli 9, Vignola 3, Allegretti 11, Amasanti 12, Crotti. Allenatore: Davide Zanichelli.
ARBITRO: Domenico Bettinelli di Brescia.
GRATACASOLO DI PISOGNE (BS)-La Pavidea Steeltrade sbanca Pisogne. Una vittoria frutto di una condotta di gara autoritaria, piena di agonismo, concentrazione ed esempio di maturità. Ad una settimana dall'inizio del campionato, la formazione di Davide Zanichelli ha fatto capire di essere sulla strada giusta per togliersi parecchie soddisfazioni. Il confronto in riva al lago d'Iseo rappresentava la prova finale, quasi un esame di maturità che le rossoblù hanno superato a pieni voti: muro solido, ricezione in crescendo, attacco potente, sono state le armi micidiali che hanno messo sotto una formazione bresciana confermatasi interessante ed equilibrata grazie alla potenza sotto rete di Monica Camanini ed al dinamismo di Sara De Vecchi, una coppia in grado di fare la differenza. Rispetto alla gara di sette giorni fa al "Palamagni", la Pavidea Steeltrade ha acquistato in tenuta fisica e solidità nel reparto centrale, dove Guccione, Allegretti e Ilaria Fanelli hanno tenuto botta con sicurezza.
Per l'ultima amichevole stagionale, il tecnico Davide Zanichelli deve fare a meno del "libero" Michela Musiari, ma non si scompone e propone una formazione piena di qualità. In campo opposto Iveta Mikusova non cambia l'assetto tattico visto in terra fiorenzuolana e il parquet si riempie di potenza e carica agonistica. Il "PalaIseoserramenti" è pronto per accogliere la sfida; le fiorenzuolane nella elegante maglia fucsia vanno ad occupare la metà campo di sinistra e si schierano con Guccione, Amasanti, Ciarlini, Crotti, Allegretti e Errichiello. Iveta Mikusova gioca la sua partita a scacchi e risponde con De Vecchi, Camanini, Treccani, Pandocchi, Ghezzi e il libero Silvia Stornati. Il pubblico si attende molto e le squadre sono pronte per regalare emozioni. Lo speaker vive il suo momento di popolarità, l'arbitro chiama i tre minuti e alle 17,15 si parte. Cominciano le gialle bresciane con Monica Camanini che piazza subito una ace strappa applausi. E' già partita intensa, la Pavidea Steeltrade dè segnali positivi alla panchina e si fa vedere sotto rete con la rientrante Lorena Amasanti che mette a terra la palla del pareggio. Iseo Serrrature che va a mille e fa break con un pallonetto di Sara De Vecchi e un missile a firma Camanini (3-1). La Pavidea Steeltrade replica subito e va al pareggio su un attacco di Debora Allegretti. I cambi sono liberi, si provano gli schemi e la gara acquista in interesse ed incertezza. Squadre simili per potenza e tecnica, punteggio in perfetto equilibrio, rotto da una accelerata delle fiorenzuolane che mettono a segno un break con la onnipresente Debora Allegretti (4-6). Zanichellli a bordo campo osserva con attenzione e dà consigli; Iveta Mikusova si sbraccia per rimettere in equilibrio la nave. Missione compiuta: doppio errore in attacco di Donida ed Errichiello ed ecco il nuovo pareggio (6-6). Intensità alle stelle, scambi e recuperi di grande spessore e pubblico che si diverte. Fuori la temperatura di questo strano ottobre è decisamente imbarazzante, dentro è in crescendo per merito delle dodici protagoniste di una sfida appassionante. Avanti punto a punto, fiorenzuolane che provano ad allungare, ma vengono riprese da una superlativa Monica Camanini (10-10). Iveta Mikusova spinge le ragazze che danno un deciso colpo di pedale e vanno a "+6" con Zavaglio e De Vecchi in grande spolvero (19-13). Sembra un set segnato per la Pavidea Steeltrade che attraversa un periodo di appannamento. Ecco allora il break di Zanichelli: poche parole, ma di quelle che sanno dare la scossa: duello a distanza tra Donida e Camanini, Lorena Amasanti fa da terzo incomodo e le fiorenzuolane tornano sotto di prepotenza (21-20). Simona Zavaglio vince sotto rete con Caterina Errichiello, Cristina Treccani sbaglia il servizio e regala un punto alla Pavidea Steeltrade che prende coraggio e fiducia. Ma non basta, perché Simona Zavaglio fa set ball e scalda le mani al pubblico. Ad un punto dalla meta, le padrone di casa mollano un po' la presa. Errore clamoroso: Errichiello colpisce due volte, Amasanti fa il sorpasso e Donida archivia (24-26). Un capolavoro in trenta minuti.
Si riparte. Ed è ancora l'Iseo Serrature a partire di slancio con Sara De Vecchi che mette una ace da 5-1. Debora Allegretti mura Eleonora Ghezzi, le padrone di casa vanno di potenza, ma "er core de Roma" non si arrende e mette a terra il 6-5. Che partita! Roba da alto livello! Ace di Elena Donida che fa alzare in piedi anche la mamma ed allora la panchina bresciana chiama lo stop. L'Iseo Serramenti prova a accelerare, ma la Pavidea Steeltrade tiene bene il confronto a muro ed in attacco. Lorena Amasanti sa colpire e fare male, Debora Alllegretti è una furia  e Valentina Guccione fa sognare con una terrificante "veloce" (10-13). Prova a tornare in scia il sestetto bresciano, Errichiello non ci sta e tiene le distanze. E' un susseguirsi di emozioni: Camanini e Pandocchi respingono un attacco di Caterina Errichiello che vale il pareggio (16-16), Camanini fa invasione e Lorena Amasanti fa 20. Zanichellli chiama un minuto per tirare il fiato, ma sono le padrone di casa a tornare in scia con la solita rompiscatole Monica Camanini (20-21). Allora è Caterina Errichiello a dire "qua comando io", Lorena Amasanti va di schiacciata, Valentina Guccione grida "Viva la Sicilia", fa set ball e tira la riga (22-25).
Il pubblico fede bresciana mugugna, ma la Pavidea Steeltrade è una grande realtà ed il doppio vantaggio è meritatissimo. Terzo set, un film in seconda visione. Tra schiacciate, servizi vincenti e rocambolesche difese, la gara va avanti: Eleonora Ghezzi manda in rete il servizio, Anna Boniotti fa il contrario, Arianna Bonafede il pareggio (8-8). Elena Donida scalda la mano per il break, Le padrone di casa non mollano e restano lì, fino a quando Ilaria Fanelli ed un attacco lungo di Sara De Vecchi le ricacciano a quattro punti (10-14). Tira il fiato la Pavidea Steeltrade, le energie cominciano a scarseggiare, Ilaria Fanelli raccoglie le forze e vince sotto rete, Eleonora Ghezzi pesca la diagonale giusta, Anna Boniotti ha qualità e Lorena Amasanti fa bum (14-17). L'incontro è in mano alle fiorenzuolane, l'Iseo Serramenti boccheggia e sembra ormai kappaò. Veronica Vignola va a muro con successo, Elena Donida fa punto e sembra chiudere i giochi. Invece, colpo di scena! Mehic e Camanini  rimettono tutto in gioco, Ilaria Fanelli manda lungo, Ghezzi fa set ball e Simona Zavaglio dimezza le distanze (25-23).
Lo spettro della gara di sette giorni prima aleggia sulla panchina fiorenzuolana. Le bresciane sembrano rinvigorite dal set vinto e sono pronte alla replica. Il quarto atto è tutto da gustare: partenza decisa della Pavidea Steeltrade che va in fuga con Anna Boniotti (1-3), le "gialle" tentano la replica, ma Veronica Vignola vince un importante muro con Sara De Vecchi che subito si fa perdonare e pareggia (4-4). Si va avanti al cardiopalma, fuori cominciano a swcendere le ombre della sera, ma la Pavidea Steeltrade la luce non la spegne. Cristina Treccani forza troppo la mano, De Vecchi pareggia, Semra  Mehic mette a terra (15-13). La gara si decide qua: Elena Donida dà la spallata per il 16-16, Ilaria Fanelli cicca il servizio, Donida rimedia. Chi vincerà? Si accettano scommesse. Ecco la svolta che rompe l'equilibrio: Ghezzi non va, Boniotti invece sì, Ilaria Fanelli raddoppia (20-23). Ci siamo quasi. Ultimi attimi palpitanti: Eleonora Ghezzi ha in mano la palla della speranza, ma la getta alle ortiche, Ilaria Fanelli ringrazia e tira la riga (22-25). L'Iseo Serramenti passa alla cassa, la Pavidea Steeltrade raccoglie gli applausi, Davide Zanichelli sorride. Il giocattolo funziona. Il "Palaiseoserramenti" spegne le lucio. Si risale sul pullmann. Contenti. C'è tempo per i commenti, per intonare qualche melodia, per un giro di caffè. Si va a festeggiare la vittoria in pizzeria. La nazionale gioca la semifinale mondiale contro la Cina. Il sogno svanisce al quarto set. Peccato. La Pavidea Steeltrade è stata più brava. Le ragazze la pizza se la sono meritata. Sabato prossimo sarà il giorno più lungo. Ma se il buongiorno si vede dal mattino....
FRANCO BONATTI