domenica 3 maggio 2015

EASY VOLLEY DESIO-PAVIDEA STEELTRADE FIORENZUOLA 3-1

EASY VOLLEY DESIO-PAVIDEA STEELTRADE FIORENZUOLA 3-1 (25-18, 19-25, 25-19, 25-23). EASY VOLLEY DESIO: Quintile, Colombi, Bianchi 3, Zanta 10, Colombo 14, Visintini, Acquistapace (L) 2, Pozzoni 15, Galliani 5, Cattaneo 8, Cottini 4. All. Luciano Villa. II° all. Benedetto Manera. PAVIDEA STEELTRADE FIORENZUOLA: Donida 5, Crotti 2, Boniotti 1, Amasanti 10, Errichiello 16, Guccione 8, Ciarlini 1, Fanelli, Musiari (L), Ambrosini 11, Vignola 2, Allegretti 10. All. Davide Zanichelli. II° all. Corrado Longhi (in panchina Giovanni Errichiello). ARBITRI: David Kronaj e Tecla Veronica Di Gaetano di Varese. NOTE: nel primo set ammonito l'allenatore dell'Easy Volley Desio per proteste. DESIO (MB)-Easy Volley Desio salvo, Pavidea Steeltrade fuori dai play offs. La penultima giornata del campionato ha sciolto aritmeticamente gli ultimi dubbi. Le fiorenzuolane dovevano vincere per coltivare ancora una piccola speranza di rientrare nel giro spareggi, le brianzole avevano bisogno di un punto per staccare definitivamente il pass per la salvezza. Alla fine a sorridere è stato l'Easy Volley Desio che ha preso tre punti, mettendo d'accordo classifica a aritmetica. La Pavidea Steeltrade ha giocato con impegno provando a fare valere le proprie qualità tecniche, ma ha commesso troppi errori ed ingenuità che alla fine hanno deciso il risultato. La gara è stata intensa, a tratti entusiasmante, muro e ricezione hanno tenuto e il pallone ha viaggiato a velocità stratosferiche. In casa fiorenzuolana, un ruolo fondamentale l'ha giocato Caterina Errichiello, sempre in grado di dare fastidio sotto rete, ma va segnalata anche la ottima prestazione di Lisa Ambrosini che, pur avendo un solo allenamento nelle gambe, ha messo a terra palloni pesantissimi, facendosi vedere molto reattiva anche in ricezione. Note positive anche per il "libero" Michela Musiari e Lorena Amasanti potente sotto rete e pronta a risolvere situazioni intricate. Desio è una città di quarantamila anime immersa nella verde Brianza al confine con la provincia di Milano; il "Palapertini" è una struttura vecchia, poco funzionale, con una tribuna scomoda e nemmeno tanto grande. Pubblico che arriva alla spicciolata e si fa subito sentire a gran voce. Nutrita la rappresentanza fiorenzuolana pronta a ingrossare le corde vocali per spingere le ragazze di Zanichelli verso un risultato positivo. Squadre al gran completo e decise a fare valere le loro ragioni a suon di schiacciate. Padrone di casa nella tradizionale maglia nera con inserti arancioni e spalline grigie che si schierano a sinistra della tribuna con Pozzoni, Bianchi, Acquistapace, Colombo, Galliani e Cattaneo; Pavidea Steeltrade che si schiera a destra nella consueta maglia bianca con inserti blu e si presenta con Guccione, Donida, Amasanti, Vignola, Errichiello, Allegretti e Musiari. Sorteggio che arride alle fiorenzuolane ed allora tocca a Lorena Amasanti giocare il primo pallone. Le ragazze di Luciano Villa e Benedetto Manera sono virtualmente salve, ma per avere il conforto della artimetica hanno bisogno di un punto e partono a razzo, cogliendo nettamente impreparate le fiorenzuolane che stentano a trovare il ritmo giusto e vanno sotto sugli errori in attacco di Debora Allegretti e Lorena Amasanti (5-1). Zanichelli dalla panchina grida consigli e qualcosa in campo si muove, perché le biancoblu accelerano sotto la spinta di Veronica Vignola e rimettono in piedi il punteggio (7-6). L'Easy Volley Desio si affida alle qualità di Beatrice Pozzoni, classe 1995, e rimette avanti la testa con decisione, approfittando anche delle incertezze di Lorena Amasanti, Valentina Guccione e Debora Allegretti che fanno scivolare le fiorenzuolane e quattro lunghezze (15-11). Cerca di tenere il passo il team di Zanichelli, ma Chiara Colombo piazza un uno-due che mette in ginocchio le biancoblu e suggerisce al tecnico una mossa tattica: dentro Ciarlini e Boniotti, in panca Vignola ed Errichiello. Gara velocissima, recuperi ai limiti dell'impossibile, applausi del pubblico. Daniela Zanta si permette il lusso di murare Debora Allegretti, Lorena Amasanti mette giù la solita diagonale, ma ormai le padrone di casa sono un turbo e vanno a procurarsi il set ball con un lob di Monica Galliani e chiudono il conto su una battuta sciagurata di Lorena Amasanti (25-18). Tre minuti di orologio e si ricomincia. Zanichelli e Villa studiano nuove strategie, la gara resta viva ed interessante, la Pavidea Steeltrade si sveglia e scava un solco profondo su un attacco di Valentina Guccione (2-5). Michela Musiari si fa vedere in difesa con continuità e la ricezione fiorenzuolana non ha passaggi a vuoto. L'Easy Volley Desio è sempre lì a ruota e cerca di sfruttare le incertezze altrui per rimettersi in carreggiata. Monica Galliani sbaglia l'attacco e Luciano Villa si arrabbia. Inevitabile il time out che non ha troppo riscontro, perché la Pavidea Steeltrade manda in prima fila Caterina Errichiello che mette tutti d'accordo con un paio di bordate che lasciano il segno (11-14). Zanichelli cerca di sfruttare il momento favorevole aumentando il peso sotto rete. Fuori Elena Donida, dentro Lisa Ambrosini. Mossa che dà effetti, perché la schiacciatrice veneta mette subito un sigillo, imitata da una ace di Maria Chiara "Cruz" Crotti da Correggio, gettata nella mischia al posto di Lorena Amasanti. Luciano Villa si agita davanti alla panchina, qualcosa non gira e il tecnico brianzolo cerca di metterci una pezza. Niente da fare: Errichiello, Ambrosini, Allegretti, tre botte e set in cassaforte (19-25). Uno a uno. Il terzo set diventa importantissimo dal lato psicologico. Se ne rende conto il team lombardo che scappa via su un attacco a firma Cattaneo (10-6). Reagisce la Pavidea Steeltrade che trova gloria con una murata di Veronica Vignola su Monica Galliani e una schiacciata di Caterina Errichiello che riporta le biancoblu in scia (11-10). L'Easy Volley Desio si piega, ma non si spezza e trova un altro break con un pallonetto di Daniela Zanta (13-10). Staffetta ormai tradizionale Crotti-Amasanti e il jolly di Correggio mette a terra una ace che Lisa Ambrosini suggella con il punto del pareggio (13-13). Sale l'incitamento del pubblico, le padrone di casa si scuotono e ripartono di slancio con tris pesantissimo di Chiara Colombo che fa il paio con un errore sotto rete di Lisa Ambrosini per il 18-13. Zanichelli sente sfuggirsi il set dalle mani e prova a sfruttare al meglio il time tecnico, Scarsi riscontri, perché Caterina Errichiello manda lungo il servizio, Monica Galliani piega le mani a Veronica Vignola e il punteggio si dilata (23-18). Cambia ancora assetto Zanichelli: Ciarlini va in regia, Vignola in panca, Errichiello esce e entra Anna Boniotti. Set alle battute finali: Pozzoni fa set ball e un attacco lungo di Lorena Amasanti dà il terzo tempo alle brianzole (25-19). Festa grande in panchina per il punto della salvezza aritmetica. Ma l'Easy Volley Desio non si accontenta e resta concentrato giocando ogni pallone con intelligenza. Debora Allegretti manda fuori l'attacco, ma il punteggio resta equilibrato: Caterina Errichiello si fa murare da Ambra Cattaneo e Chiara Colombo punta dritta su Lisa Ambrosini. La Pavidea Steeltrade resta incollata alle lombarde che provano la fuga con un attacco Chiara Colombo, ma Lisa Ambrosini stoppa tutto. Allora ci prova Elisa Cottini, ma Chiara Colombo vanifica tutto sbagliando il servizio. Non c'è due senza il tre e questa volta va bene, perché Beatrice Pozzoni e Elisa Cottini fanno il vuoto (18-13). Le fiorenzuolane cominciano ad andare in riserva, l'Easy Volley Desio sente vicino il risultato di prestigio e dà la spallata decisiva. Colombo va a punto, Villa cambia Bianchi con Visintini, Ciarlini fa ace, Ambrosini va a murare Cattaneo, Ciarlini sbaglia il servizio e consegna il match ball alle brianzole. Allegretti fa lob, ma subito Ambra Cattaneo mette giù il venticinquesimo punto (25-23). Festa in casa Desio, delusione dalla parti fiorenzuolane. L'ultimo viaggio delle stagione è andato male. Uno sguardo agli altri campi: Offanengo vince il derby col Crema e stacca la Pavidea Steeltrade che resta ancorata al quinto posto. Pochi sorrisi, molta amarezza. I complimenti a chi sul campo ha dato tutto, un abbraccio a chi se lo è meritato, i saluti di rito. Fuori pioviggina. Come fosse autunno. A casa senza cena. C'è un cane che aspetta un po' di compagnia. Si riparte. Questa volta si torna a casa presto. Un altro campionato sta finendo. Sabato ultimo atto. Al "Palamagni". Bisogna fare bella figura. Per programmare il futuro. FRANCO BONATTI